Il Notaio Risponde – Giugno


A cura del Notaio Remo Bassetti: Titolare dell’omonimo studio torinese, collabora con la nostra rivista, per fornire ai lettori chiarimenti su problematiche e pratiche inerenti per esempio a successioni, donazioni, compravendita di immobili, costituzione di associazioni e fondazioni, convenzioni matrimoniali e costituzione di fondi patrimoniali, mutui e altri tipi di finanziamento.

Buonasera,
siamo associati FABI Plus e avremmo bisogno gentilmente di una consulenza. In data 16/01/2020 ho acquistato come prima casa un appartamento a Grugliasco, che venderò entro la fine del 2021. Il mio compagno ha acquistato il 12/02/2018 una villetta a schiera, sempre come prima casa, ad Alpignano, usufruendo di consistenti Bonus 50% Ristrutturazione–Risparmio Energetico–Mobili. Avrei intenzione di acquistare il 50% della sua villetta. Ciò premesso, abbiamo alcuni dubbi:
• non essendo passati 5 anni dall’acquisto, io perderò la tassazione agevolata di cui ho usufruito e dovrò quindi pagare la differenza?
• non essendo passati 5 anni nemmeno per il suo acquisto, vendendomi la metà della villetta, perderà anche lui la tassazione agevolata e dovrà pagare la differenza?
• per quanto riguarda infine i rimborsi sul suo 730 relativi ai Bonus di cui sopra, rischia di perderli?

Ringraziando anticipatamente, porgiamo cordiali saluti.
Grazie mille. Francesca e Mirco

Buongiorno,
per il suo acquisto non c’è problema perché venderà entro un anno dall’acquisto che effettuerà. Non solo non perderà le agevolazioni ma beneficerà di un credito d’imposta. Suo marito invece perderà effettivamente i benefici sul 50%. Del bonus non perderà nulla.

************************************************************************************************************

Buongiorno,
mi permetto di disturbare per una questione inerente ad un’eredità: mia mamma è mancata pochi mesi dopo la mia nascita, e mio papà si è poi risposato in comunione dei beni. L’attuale moglie, che mi ha cresciuto, vorrebbe lasciare la sua parte di alloggi acquistati dopo il matrimonio a me e non al suo asse ereditario (tre sorelle). Sarebbe sufficiente fare un testamento o si rende necessario effettuare qualche altro tipo di atto?
Grazie. Giuliano

Gentile Giuliano,
è sufficiente il testamento, anche solo olografo.

************************************************************************************************************

Buongiorno,
io e mia moglie siamo in comunione di beni e siamo proprietari di un alloggio. È stato acquistato come prima casa anche se da noi non abitato ma al momento locato con scadenza 30 ottobre prossimo. Vorrei sapere se è possibile fare una donazione a mia moglie del mio 50% e di conseguenza quali potrebbero essere i costi dell’operazione.
Grazie. Federico

Buongiorno,
certo, può donare la metà a sua moglie. Se però ha figli e pensa poi di vendere l’alloggio bisognerà fare alcune valutazioni. Se sua moglie non ha altre case di proprietà i costi della donazione si aggirano tra i € 2.000 e i € 2.500, a seconda del valore. Se non è prima casa è necessario conoscere la rendita per quantificare le imposte.

Comments

comments